di Ilaria Florio

CASALABATE (Lecce) – In un luogo segnato da una profonda storia di abusivismo edilizio, comune a molte altre marine leccesi e meridionali, progetti come Casamare sono come una boccata d’ossigeno, un vento di primavera. Un’articolata serie di laboratori ed azioni di arte urbana, condotti con 50 bambini tra i 4 ed i 10 anni e realizzati tra Trepuzzi e Casalabate, sono state le attività principali di Casamare, progetto nato con l’obiettivo di promuovere comportamenti rispettosi della natura e dello spazio che ci circonda, attraverso una campagna di comunicazione ambientale, immaginata dai bambini, e la creazione di una galleria a cielo aperto, composta da vere e proprie piccole opere d’arte, ricavate dai rifiuti raccolti in spiaggia.

Promosso dalle associazioni Culturambiente e Blablabla e sostenuto dalla Fondazione Megamark, nell’ambito del bando Orizzonti Solidali, in collaborazione con supermercati AEO, Dok, Famila, Iperfamila e con il patrocinio della Regione Puglia e del suo assessorato al Welfare, Casamare ha utilizzato l’arte e i laboratori ludico-didattici, come strumenti di trasformazione della realtà. Attorno alle azioni creative previste dal progetto e curate, passo dopo passo, dagli operatori ed operatrici delle associazioni, si sono sviluppate tante occasioni di collaborazione e confronto sui grandi temi, che sono diventati centrali nel dibattito pubblico su ambiente e sviluppo. Così l’inquinamento dei mari, l’enorme quantità di plastiche presenti negli oceani e – di conseguenza – nei pesci di cui ci nutriamo, sono diventati argomenti di discussione e riflessione con i più piccoli, che hanno proposto soluzioni e interessanti punti di vista sulla cura dello spazio comune e sulle azioni per ridurre l’inquinamento.

Venerdì, a Trepuzzi, su Largo Margherita, a partire dalle 18:00, è previsto l’appuntamento conclusivo, con una vera e propria piccola festa di comunità, con bambini ed adulti, impegnati nelle attività laboratoriali di upcycling, sulla costruzione di fiori di plastica riciclata, le istallazioni di arte urbana ed un incontro / dibattito con enti ed istituzioni coinvolte. Saranno presenti i presidenti delle associazioni partner di progetto, Loreta Ragone e Vito Greco, i rappresentanti della Fondazione Megamark e il vicesindaco di Trepuzzi, Giovanni Chirizzi.A conclusione della giornata, tutti saranno invitati a partecipare a “Cartoline da CasAmare”, in cui bambini ed adulti potranno compilare delle vere e proprie cartoline con slogan e frasi per sensibilizzare su tutto ciò che è riciclo, ambiente, ecosistema, paesaggio, cura del mare.

CONDIVIDI