LECCE – Potrebbe essere di natura dolosa l’incendio che, attorno alla mezzanotte, ha distrutto il cofano dell’auto di un 52enne leccese, F.G. le sue iniziali, titolare di un salone da parrucchiere per donna, parcheggiata in via Micelli, alla periferia della città.

Le fiamme, scatenate probabilmente con una bottiglietta contenente liquido infiammabile, hanno danneggiato tutta la parte anteriore del veicolo, ma non hanno provocato danni né alle altre auto parcheggiate nei dintorni né alle abitazioni vicine.

Sul posto, lanciato l’allarme, sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce, che hanno quindi richiesto anche la presenza degli agenti di polizia. “Caschi rossi” e poliziotti hanno eseguito un sopralluogo per chiarire le cause che avevano scatenato il rogo.

Sebbene non siano stati trovati contenitori “sospetti” o tracce di benzina, gli investigatori ritengono che possa trattarsi di un atto doloso. Al vaglio degli agenti vi sono i filmati registrati da alcune telecamere di sicurezza presenti nella zona.