L’assemblea dei sindaci leccesi, convocata oggi presso la sede della Provincia salentina, alla presenza del rappresentante del comitato dei delegati Gianni Stefano e del direttore Ager Gianfranco Grandaliano, ha approvato e recepito all’unanimità la proposta di transazione avanzata dalla società “Progetto Ambiente – Provincia di Lecce” per ciò concerne i conferimenti nell’impianto di produzione Cdr di Cavallino.
L’accordo, che dovrà essere successivamente formalizzato da Comuni, azienda e Ager, prevede che il conguaglio maturato tra le tariffe pagate dai Comuni tra il 2010 e dicembre 2018 e le tariffe contenute nel decreto 53/2018 venga pagato con una rateizzazione triennale e senza alcuna maggiorazione a titolo di interessi. Inoltre, l’azienda si è detta disponibile a concedere un periodo di rateizzazione superiore ai tre anni dietro corrispettivo di interessi sulla dilazione, a partire dal quarto anno, e si è impegnata ad abbandonare tutti i contenziosi in essere, compresi quelli riguardanti gli adeguamenti Istat.

Nel corso dell’assemblea si è convenuto che, dal 2019, la tariffa verrà calcolata con uno scorporo delle voci di costo relative alla fase di produzione di Cdr (combustibile da rifiuto) da quelle relative alla termovalorizzazione del Cdr. Per i costi rivenienti dalla produzione di Cdr, la tariffa proseguirà con la normale revisione Istat nelle modalità già attuate dall’Ager, mentre per i costi relativi alla termovalorizzazione del Cdr si procederà con una valutazione dei costi medi a livello nazionale per l’esecuzione di tali attività.