GALLIPOLI (Lecce) – Torna a Gallipoli l’atteso appuntamento con “La Notte dei Pupi e della Taranta“: musica e arte della cartapesta di nuovo insieme per la terza edizione consecutiva.

Si conferma ancora una volta il progetto vincente nato dal dialogo tra Regione Puglia, Comune di Gallipoli, Fondazione La Notte della Taranta e Associazione Cantieri del Capodanno che mira sempre più a valorizzare la tradizione dei PUPI di San Silvestro congiuntamente all’eccellenza salentina de ‘La Notte della Taranta’.

“Sono particolarmente orgoglioso di confermare per la terza volta consecutiva il concerto de La Notte della Taranta nella mia splendida città. Quello della pizzica e il rito del pupi si sposano per un progetto visionario che mi auguro sia sempre un appuntamento fisso negli anni. La Notte della Taranta gode di una riconosciuta popolarità in grado di attrarre flussi notevoli e l’arte dei Pupi prende sempre più piede oltre ai confini cittadini: uniamo così due eccellenze del territorio e le esportiamo insieme per un inizio di anno alla grande. Non posso fare a meno di ringraziare la Regione Puglia e l’Assessore Loredana Capone per aver creduto in questa scommessa e l’Amico e Presidente della Fondazione de La Notte della Taranta, Massimo Manera, per aver accettato, già negli anni passati, di “esportare” il concerto e regalare alla città un Capodanno senza precedenti. Infine, l’associazione “I Cantieri del Capodanno” rappresentano la ciliegina sulla torta di questa terza edizione de “La notte dei Pupi e della Taranta”, la dimostrazione palese della collaborazione proficua tra pubblico e privato. E un grazie ancora a tutti i ragazzi che ogni anno rinnovano la tradizione che con pochi mezzi a disposizione e con tanta voglia di fare realizzano i pupi per la città., dichiara Stefano Minerva, Sindaco della Città di Gallipoli e Presidente della Provincia di Lecce.

Continua l’Assessore Regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone: “La Notte della Taranta e i pupi di Gallipoli, due facce di una stessa tradizione, quella salentina, che si completano l’un l’altra aggiungendo pezzi di identità al racconto della nostra regione e lo fanno in una notte che, più di altre, apre al futuro. Tutto questo per la Regione è un patrimonio preziosissimo. E lo è perché è questa la narrazione della Puglia che vogliamo. Perché è questo ciò che ci rende davvero unici. Abitare di storie le nostre città è la sfida dei pugliesi e l’accoglienza che vogliamo riservare ai nostri turisti: una scoperta continua e meravigliosa che non si limita al piacere dello sguardo ma va in profondità e tocca l’anima”.

Un pupo per ogni quartiere gallipolino così come la tradizione comanda; alla mezzanotte del 31 ogni cittadino potrà ammirare il fantoccio di cartapesta bruciare: un modo tutto gallipolino per salutare il vecchio anno e dare il benvenuto al 2019. Tra i numerosi pupi creati solo uno però sarà il superstite che sarà conservato per il primo giorno dell’anno: ad anticipare il concerto de La Notte della Taranta, infatti, l’accensione del pupo di cartapesta ad opera dell’Associazione gallipolina Cantieri dei Capodanno.

Lo spettacolo avrà inizio alle 19:00 con l’accensione del PUPO di Capodanno nei pressi della stazione e subito dopo il Concerto accompagnerà il pubblico con pizziche scatenate e ballate popolari a festeggiare il nuovo anno nella vicina Piazza Tellini.

Abbiamo puntato alla valorizzazione di una tradizione fortemente radicata a Gallipoli che con l’arte della cartapesta e la bellezza del suo centro storico riesce ad attrarre i visitatori anche d’inverno. Anche in questo caso, con La Notte dei Pupi e della Taranta giunta alla sua terza edizione, abbiamo fatto da apripista ai concerti nelle città di mare nella stagione invernale anche nel Salento convinti che si può destagionalizzare solo se si continua a puntare sull’autenticità e sulle tradizioni dei luoghi.” ha spiegato il presidente della Fondazione La Notte della Taranta Massimo Manera.

Ancora, Giuseppe Chetta, Presidente dell’Associazione “Cantieri del Capodanno”: Siamo lieti anche quest’anno di presentare una delle tradizioni più esclusive della cittadina ionica, ovvero i “pupi”. Ringraziamo gli Enti tutti che sposano il nostro progetto e la collaborazione fruttuosa tra le parti. Il nostro è un invito alla cittadinanza a prendervi parte, a condividere questo rito che si terrà il 31 nei vari rioni cittadini allo scoccare della mezzanotte,e poi in piazza e a salutare il nuovo anno nel modo più allegro possibile.”

L’Orchestra diretta da Daniele Durante ospiterà le voci di Antonio Amato, Antonio Castrignanò, Salvatore Galeanda, Giancarlo Paglialunga, Alessandra Caiulo, Stefania Morciano, Enza Pagliara, Alessia Tondo per un viaggio indimenticabile nella tradizione popolare del Salento. Ancora, l’Orchestra sarà composta Antonio Marra (batteria) Valerio Bruno (basso), Gianluca Longo (mandola), Leonardo Cordella (organetto) Nico Berardi (fiati) Roberto Chiga (tamburello), Giuseppe Astore (violino), Roberto Gemma (fisarmonica) Attilio Turrisi (chitarra battente)

Sul palco anche i ballerini di pizzica della Compagnia di Danza della Taranta Andrea Caracuta, Stefano Campagna e Marco Martano, Laura Boccadamo, Cristina Frassanito e Serena Pellegrino.

Spettacolo gratuito.

PROGRAMMA 1 Gennaio 2019

Ore 19.00 Rievocazione del rito del fuoco nei pressi della Stazione.

Ore 19.30 Concerto di Capodanno Orchestra Popolare La Notte della Taranta – Piazza Tellini