CAPRARICA DI LECCE – Dopo avere praticato un foro nel muro di un’abitazione disabitata confinante ed essersi introdotti nell’ufficio postale, hanno atteso l’arrivo dei primi dipendenti per uscire allo scoperto e compiere la rapina, prima di dileguarsi col bottino.

L’assalto armato, dalle insolite modalità, è stato compiuto ai danni delle Poste di Caprarica di Lecce. Due banditi hanno approfittato del fatto che l’appartamento adiacente l’ufficio postale fosse disabitato, per forare la parete confinante ed entrare negli uffici.

Alle prime ore del mattino, dunque, quando direttore e dipendenti sono giunti per iniziare la propria giornata di lavoro, i malviventi – entrambi travisati con passamontagna, l’uno armato di pistola, l’altro di taglierino – li hanno colti di sorpresa e minacciandoli con una pistola li hanno costretti a mettere nelle loro mani tutti i soldi disponibili: ben 18mila e 305 euro.

Bottino in pugno, i due malfattori hanno quindi guadagnato l’uscita e si sono dileguati a bordo di un’autovettura non meglio identificata, che era condotta da un terzo complice. Le indagini sono affidate ai carabinieri della stazione di Calimera ed agli investigatori del Norm di Lecce, che subito dopo l’allarme hanno raggiunto l’ufficio postale, per ascoltare le testimonianze delle vittime ed eseguire i rilievi insieme al personale specializzato dell’Arma.

I militari visioneranno i filmati delle telecamere presenti nella zona, per individuare la via di fuga dei malviventi ed il modello dell’auto sulla quale si sono allontanati.