GIURDIGNANO (Lecce) – Anziché smaltirli correttamente, gli scarti di demolizione derivanti dalla sua precedente attività li aveva accatastati all’interno di un terreno sottoposto a vincolo paesaggistico e, pertanto, è stato denunciato a piede libero.

Si tratta di un 24enne di Maglie, E.B. le sue iniziali, deferito in stato di libertà dai carabinieri Forestali della Stazione di Otranto, con le accuse di gestione di rifiuti non autorizzata e deposito incontrollato di materiale consistente prevalentemente in scarti di demolizione, riconducibili – come detto – alla sua precedente attività.

I rifiuti, per un quantitativo stimato in 400 metri cubi, erano stati riversati illecitamente su un’area estesa per circa 800 metri quadri, all’interno di un fondo ricadente peraltro in area sottoposta a vincolo paesaggistico. L’area interessata dallo smaltimento illecito è stata sequestrata, mentre il giovane è stato denunciato.

(foto di repertorio)