Cosa è che trasforma un luogo in una destinazione turistica? E, nel caso particolare della Puglia, cosa ha fatto di questa terra una meta attraverso la quale fare esperienze di viaggio… Certo è che dopo essere stata inserita dal New York Times fra le 52 destinazioni da visitare nel 2019, la Puglia alla Bit riflette sugli aspetti che la negli anni l’hanno resa sempre più unica, affascinante e attraente per i turisti italiani, ma soprattutto per quelli stranieri che, secondo i dati forniti dall’Osservatorio del turismo della regione Puglia, nel 2018 hanno rappresentato il 25% del totale dei turisti, con un incremento del 2,3 per cento rispetto all’anno precedente.

Puglia alla Bit quindi per promuovere il turismo e contribuire al consolidamento e al miglioramento dell’offerta turistica esperenziale e destagionalizzata, poiché i turisti provenienti da altri paesi prediligono i mesi di marzo, aprile e maggio.

La Puglia alla Borsa internazionale del Turismo di Milano, che è in corso di svolgimento, si tiene dal 10 al 12 febbraio nel capoluogo lombardo presso Fiera Milano City, si presenta con 44 postazioni riservate agli operatori turistici pugliesi all’interno dello spazio Puglia, 61 espositori, 19 aggregazioni di impresa, più di 80 attività turistiche esperienziali che saranno presentate in questi giorni ad operatori del trade e della stampa.

Di “Cosa rende oggi la Puglia una destinazione unica, attraente e intrigante per i viaggiatori italiani e stranieri” si è parlato durante la conferenza stampa che ha visto la partecipazione dell’Assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia Loredana Capone.
Ricco il calendario di appuntamenti della prima prima giornata, con la presentazione del brand “Costa dei Trulli” nato dalla sinergia tra i 5 comuni, Monopoli, Alberobello, Castellana Grotte, Conversano e Fasano.

E ancora tutte le attività in calendario nel 2019 delle Grotte di Castellana (tra i principali attrattori turistici della regione) dalle nuove visite esperienziali al progetto regionale Crossing Arts attraverso il quale la Puglia e Castellana Grotte diventano polo internazionale delle arti e crocevia di espressioni artistiche. E poi il progetto Grotte 100% Accessibili, che sarà una delle prerogative per eliminare ogni barriera di accesso alla bellezza delle cavità sotterranee di origine carsica di Castellana.