LECCE – “La mobilità sostenibile sarà uno dei volti nuovi della città a guida del M5s. Per incentivare l’uso del trasporto pubblico saranno favorite e promosse tutte quelle iniziative che mirano alla realizzazione di collegamenti extraurbani del servizio di trasporto urbano verso i paesi limitrofi, in modo da alleggerire il peso del traffico dei pendolari sulla città”. Arturo Baglivo, candidato sindaco del M5s alla città di Lecce, sviscera le proposte su uno dei punti fondamentali del suo programma elettorale.

“Parallelamente – aggiunge – sarà necessario un riordino delle linee urbane, al fine di ottimizzare i percorsi e rimodulare la frequenza delle corse in collaborazione con l’Università e a seconda dei bisogni dell’utenza. Predisporremo corse notturne nei week end, per permettere ai giovani di usufruire del trasporto pubblico durante la movida. Realizzeremo una Linea Alta Mobilità senza capolinea che percorra ininterrottamente l’anello della circonvallazione interna e dei viali.

Ma per un trasporto pubblico efficiente sarà indispensabile anche aumentare la velocità commerciale dei bus, attraverso accorgimenti urbanistici e corsie preferenziali protette; sarà potenziato il controllo della tariffazione e reso costante quello relativo alle cause di intralcio della marcia del trasporto pubblico; sarà posta attenzione a una corretta e puntuale comunicazione degli orari con informazioni su tutti i mezzi di trasporto urbani, anche tramite web, apps e ogni supporto informativo. I mezzi sui quali investiremo saranno il filobus elettrico e piccoli bus elettrici, grazie alle agevolazioni previste dal Piano Strategico Nazionale, recentemente firmato dal ministro Toninelli, che oltre a consentire di rinnovare il parco vetture con autobus elettrici e a emissione zero con cofinanziamento sino al 100%, consentirà con le risorse assegnate nel primo triennio, fino al 50% del contributo concesso, la realizzazione della rete infrastrutturale per l’alimentazione alternativa.

Questo il cuore del progetto, che andrà potenziato con ulteriori interventi. In primis urge il completamento dell’installazione delle paline e la messa in sicurezza di tutte le fermate segnalate; la realizzazione di parcheggi e stazioni di interscambio, i cosiddetti hub intermodali. Il collegamento di alcune aree finora isolate, come il mercato di Settelacquare, con il centro storico e parcheggi di interscambio con navette elettriche. Infine – conclude Baglivo – valuteremo nel Biciplan, contenuto nel Piano urbano per la mobilità sostenibile, la possibilità di trasportare le biciclette su alcuni autobus”.