LECCE – Ultimo giorno per godere degli appuntamenti della rassegna tra le più preziose del nostro territorio, “Maggio salentino”, che per tutto il mese ha valorizzato il patrimonio culturale, storico, artistico, architettonico, paesaggistico ed enogastronomico della nostra terra, anche al fine di incrementare il turismo, che è sicuramente un importante volano per lo sviluppo del Salento.

A causa del tempo variabile è stata cambiata la location del concerto di chiusura del “Maggio Salentino”, organizzato dall’associazione CELESTASS, dell’Avvocato Giorgio Aguglia.

Domani, domenica 26 maggio, alle ore 20.30, lo spettacolo si terrà nella suggestiva cornice della Chiesa del Gesù di Lecce (detta Buon Consiglio), in Piazzetta Castromediano a Lecce.

La rassegna del “Maggio Salentino”, che anche quest’anno ha registrato grande successo e attenzione da parte di turisti e cittadini, si chiuderà con un Concerto con il Coro Gospel A.M. Family, diretto da Elisabetta Guido (nel riquadro), nonché fondatrice e preparatrice vocale del Coro.

Docente di canto jazz presso il Conservatorio di Musica “Tito Schipa di Lecce”, concertista e didatta in ambito nazionale ed internazionale, vocalist e direttrice di Coro collaboratrice delle Produzioni di Rai uno “Grandi Eventi” (Sanremo-Oscar Tv, Premio Barocco, Porta a Porta, Lecce Art Festival…). Ha collaborato a livello nazionale con diversi artisti di diversa estrazione musicale come Renato Zero, Renzo Arbore, Riccardo Cocciante, Al Bano, Paolo Belli, Cecilia Gasdia, Alexia, Cheryl Porter, Jayonna Sims & Virtuous Standards of Chicago, Ares Tavolazzi, Paolo Di Sabatino, Fabrizio Bosso, Stefano “Cocco” Cantini, Marco Siniscalco, Lello Pareti, Francesco Petreni.

Il Coro nasce nel 2002 nell’ambito delle attività progettuali integrative del conservatorio di musica “Tito Schipa” di Lecce.

Coro con all’attivo più di 1200 concerti in tutta Italia, è specializzato in gospel interattivo, in quanto la sua esibizione è caratterizzata dal coinvolgimento diretto del pubblico presente, attraverso la recitazione comunitaria di preghiere che spiegano di volta in volta il significato di ogni brano, rispettandosi così il fine fortemente divulgativo della preghiera cantata afroamericana, ed attraverso la partecipazione degli stessi ascoltatori all’esecuzione canora. Lo spettacolo è completato da coreografie tipiche dell’esecuzione gospel e dalle splendide voci di numerosi solisti.

Per la Vice Direttrice M. Daniele Falangone, ogni concerto è una festa ed in particolare con il pezzo “Amen” si può cogliere il vero spirito del loro coro. Un momento intenso in cui sia artisti, che pubblico cantano tutti insieme, fondendosi in un’unica voce, elevando gli animi in un deliquio di emozioni e sensazioni, che portano il pubblico a cantare anche da solo. Il coro riesce sempre a stabilire con il suo pubblico un legame forte, che solo il linguaggio universale della musica sa creare.

Le voci cantano sulla melodia dell’amore degli ascoltatori. Il legame che si crea è l’espressione dell’amore di Dio; il Gospel canta di questo amore, è ringraziamento, è preghiera, è gioia.

Ad impreziosire la serata le note del pianista Luigi Botrugno. Un concerto per le orecchie di coloro che sanno ascoltare, ma anche per il cuore di quelli che sanno sentire”.

Il netto del ricavato della serata sarà devoluto a Tria Corda Onlus per il progetto del Polo Pediatrico del Salento.

Il Salento è una realtà geografica pervasa dalla passione per la cultura. A testimoniare ciò, una pluralità di iniziative che animano i centri della nostra provincia durante tutto l’anno. Tra queste, il “Maggio Salentino”, grazie al suo Presidente, l’Avvocato Giorgio Aguglia, consente di coltivare l’essenza e l’identità dei luoghi nelle molteplici espressioni, dimostrando devozione per le proprie origini.

 

Clarissa Rizzo