LECCE – Due anni e sei mesi di reclusione. È questa la condanna inflitta, al termine del processo del processo che si è celebrato con il rito abbreviato, a carico di Matteo Sozzo, 39enne leccese, arrestato l’11 marzo scorso per questioni di droga. La sentenza è stata emessa dal gup Giovanni Gallo che non si è discostato dalla richiesta del pubblico ministero Stefania Mininni. All’imputato era contestata la recidiva reiterata infraquinquennale.

La perquisizione venne eseguita dai carabinieri della Sezione radiomobile. Durante il sopralluogo i militari trovarono circa 600 grammi di marijuana, vario materiale per il confezionamento, più quattro piante di cannabis in vaso, alte circa 20 centimetri ciascuna. In sede di discussione, l’avvocato difensore Laura Minosi aveva chiesto il minimo della pena. L’imputato è sempre detenuto.

F.Oli.