COPERTINO ( Lecce ) – Siamo di fronte ad una nuova sfida che vedrà protagonista una vecchia conoscenza nell’ambito delle ultramaratone: Dario Della Pace.

Dopo una “pausa” lunga quasi un anno (in cui la sua attività sportiva comunque non ha subito arresti) ecco che l’ultramaratoneta copertinese torna a deliziare i suoi sostenitori con una prova di endurance che risulta tra le gare più dure al mondo inserendosi in un trittico che abbraccia anche la Spartathlon e la Badwater (la corsa nella valle della morte): la Nove Colli. Dopo aver infervorato il popolo di Facebook attraverso le entusiasmanti cronache curate nella pagina della società sportiva di cui Dario è presidente, la Podistica Copertino, che hanno permesso di seguire quasi in diretta eventi come la Atene – Sparta-Atene e la Mil Kil francese, ecco che questo ultra di 59 anni nato e cresciuto nel paese del Santo dei Voli, affina gli artigli o forse dovremmo dire le suole delle scarpe, per affrontare l’impietoso percorso di questa nuova prova agonistica.

Sarà la splendida e vitale Romagna a fare da sfondo a questa gara podistica che avrà luogo a Cesenatico sabato 18 maggio.

Il percorso che, come suggerisce il nome stesso, prevede un saliscendi lungo 9 colli romagnoli, ha una lunghezza complessiva di 202,4 km anche se sono previste, per chi desidera, due opzioni ridotte: un primo traguardo è “La Montagna” al km 84 in corrispondenza del 4° colle, il Bardotto; un secondo traguardo intermedio è “La Roccia” al km 158. Il traguardo finale per chi vuole completare la prova dei 202,4 km è “Uomo d’acciaio”.

Un appellativo scelto non a caso dal momento in cui i protagonisti di questa prova si troveranno ad affrontare 90 km in salita, 78 km in discesa e 34 pianeggianti con un dislivello complessivo di 3220 mt.

Questo significa, in termini pratici, un grandissimo carico di lavoro per muscoli e articolazioni, le pendenze così estreme sottopongono gli arti ad un lavoro inabituale, ad un compenso gravitazionale non indifferente.

Il tutto con la componente ansiogena di dover raggiungere degli step ben precisi entro dei termini di tempo prestabiliti. Sono i cosiddetti “cancelli” e ve ne sono ben 8, di cui il primo al km 57,6 da raggiungere entro le 7h e 30′ pena l’eliminazione e così via fino al tempo massimo complessivamente concesso di 30 ore. Sarà, dunque, un evento mozzafiato che, anche questa volta, potrà essere seguito sulla pagina Facebook “Podistica Copertino”.