LECCE – Il mercato calcistico è ancora nella fase delle valutazioni e delle possibilità. Sono troppe le variabili cui i club italiani devono tener presente per iniziare a piazzare i primi veri colpi, basti pensare che Juventus e Milan hanno ufficializzato i nuovi tecnici Sarri e Giampaolo pochissimi giorni fa. La Sampdoria ha fatto lo stesso con Eusebio Di Francesco appena qualche ora fa. Diventa naturale conseguenza il fatto che, sebbene i temi legati a strategie e budget si affrontino prima della firma tra allenatore e società, l’operatività reale inizi nel periodo successivo l’avvenuto matrimonio.

La stessa Inter, che si è mossa per prima con Antonio Conte, non ha chiuso nessuno dei vari Dzeko, Lukaku e Barella, ma sembra averlo fatto con il play di centrocampo Stefano Sensi. Da parte sua il Lecce non ha avuto l’incognita legata alla guida tecnica, con Liverani ha rinnovato sino al 2022, ma ha dovuto fare i conti con altre problematiche di non trascurabile entità connesse al Via del Mare.

Ad oggi le uniche operazioni ufficiali sono collegate ai rinnovi contrattuali già anticipate al termine del campionato come ad esempio Felici, Tabanelli e Meccariello. Assieme a loro, il ds Meluso, ha ufficializzato l’acquisto di Brayan Vera Ramirez, giovane terzino sinistro colombiano reduce dal mundialito under 20. I veri colpi, quelli sui quali si dovranno poggiare le ambizioni di salvezza per la prossima serie A, rimangono sospesi nel domino del mercato. Tonelli sembra vicinissimo, al pari del difensore turco Ersoy dato già per giallorosso in Turchia. Abate, avvistato nel Salento qualche settimana fa, sembra fuori budget per le casse della società di via Colonnello Costadura. In porta i nomi di Dragowski e Plizzari sono più di indiscrezioni da bar, ma la conferma di Vigorito impone un profilo che accetti un ruolo anche da coprimario.

Poi c’è il sogno di caratura internazionale in attacco, quel Burak Yilmaz che appena pochi giorni fa sembrava clamorosamente fatto, ma che invece oggi sembra allontanarsi. Proprio il bomber turco sembra essere la tessera del domino piu pesante, quella capace di spostare e influenzare le scelte relative al budget per gli altri acquisti.

Piez