«La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere in bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza. Ci siamo abituati alla sofferenza dell’altro, non ci riguarda, non ci interessa, non è affare nostro!

Ritorna la figura dell’Innominato di Manzoni. La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti “innominati”, responsabili senza nome e senza volto. […]Siamo una società che ha dimenticato l’esperienza del piangere, del “patire con”: la globalizzazione dell’indifferenza!». Papa Francesco

In vernacolo e in versi privi della consueta ironia, Carlo Vincenzo Greco propone un tema di grande attualità ed urgenza. Dinanzi a ritmi frenetici ed egoistici delle vite che corrono, l’indifferenza è la risposta emotiva a tante situazioni di marginalità e fragilità. Sguardi veloci e distratti, abbracci mancati, legami sciolti, senso della fraternità svanito. Spesso e solo vuoti slogan. Propagande per…!  Non tutto è perduto, però! Dai piccoli gesti e dai ‘piccoli’ uomini si può ripartire, sentendosi fratelli, perché tutti figli di Dio: la maniceddha te nnu striu e la cruce: “Segnu te Diu”.

Ssettata a nnu scalune pe lla via,
nna mamma, spenturata, sta chiangìa.
Te quanta gente ne’era e sta bbetìa
nisciuna s’à fermata cu lla iuta

Cu ddò palore ricche de cunfortu
A iddha ca strengìa su llu core
nnu picciccheddhu senza cchiui la ndore
te la vita, persa a lla mpruisa.

Nnanti a dhu core ormai tantu mmarutu,
nisciunu uci pruàa nnu sentimentu,
nisciunu intra a dh’arma ìa trasutu
pe nu picca te amore a dhu mumentu.

Sulu la maniceddha te nnu striu,
de tante ca se truavanu a passare…
citta preau pe dh’anima stutata,
facenduse la cruce: “Segnu te Diu”.