Generazioni a confronto, la saggezza te lu tata e la genuinità di Carletto. Un modo diverso di vedere le cose, di percepire gli eventi, che ci riporta in un passato recente che profuma di rispetto, di relazioni che aiutano a crescere. Il poeta Carlo Vincenzo Greco con questi versi ci fa ridere e sorridere, immergendoci in una scenetta dai colori salentini, dal calore famigliare. Botta e risposta, che fanno pensare. In un’epoca di relazioni a volte solo virtuali, ecco la riscoperta della carta e della penna per comunicare emozioni, stati d’animo, intuizioni entusiasmanti dell’età giovanile.

E’ una risposta, che non si riduce ad una foto, ad un video scaricato o, più semplicemente, ad un veloce e comodo emoticon, ma che diviene insegnamento, educazione, lezione di vita. La leggerezza dei versi richiama la necessità di oggi di relazioni vere fatte di impronte, odori, toni di voce, punti di riferimento autorevoli che guidano e accompagnano.

Lettera al caro tata ca stae fore
(pe la nasceta de nu ciucciarieddhu)

Mio caro tata, con sommo piacere,
ti faccio, oggi quattordici del mese,
sapere che la ciòccia ha figghiato
un ciucciariello che non ragghia ancora,
ma custa con piacere la tua pagghia
e son secur che prestu il suo ràgghio
raggiungerà il cielo e puru oltre,
così, sentendolo nostro Signore,
lo benedicerà pe lla fatìa
e noi cambieremo posizione.
Con grande affetto, sono il tuo Carletto.

Resposta de lu tata

Figghiu miu caru, allora è propiu veru
ca sinti turdu e nu gran minchione.
Ma te quandu a quai, nostro Signore
ha ntisu e datu retta a sti ragghi!?
Pe moi me sta consumi tie la pagghia
Ca te parte ìa misa pe llu jernu;
perciò minti lu ciucciu a stecchettu,
ca ieu già sta tornu rittu a casa
senò lu ciucciu ngrassa e minte panza
e tie me ddienti ciucciu de capezza.