LECCE – “La situazione a dir poco sconcertante che si è venuta a creare in questi giorni nella casa di riposo La fontanella di Soleto non può lasciarci indifferenti. Già diversi giorni fa avevo sollecitato la task force regionale a occuparsi in modo specifico della situazione per evitare ciò che poi è puntualmente accaduto: ossia che i nostri anziani fossero abbandonati a loro stessi, trasformando le Rsa in centri di disperazione e diffusione del contagio”. Lo dichiara in una nota il Consigliere regionale del PD, Sergio Blasi.

“Oggi – aggiunge – rivolgo il mio appello direttamente al professor Pier Luigi Lopalco, che è a capo di quella task force, oltre che al presidente Michele Emiliano: occorre effettuare i tamponi agli ospiti e al personale medico e paramedico di tutte le Rsa presenti in Puglia. E non solo. Arrivati a questo punto credo sia necessario arginare l’epidemia anche dal punto di vista psicologico, perché alla tragedia di anziani (spesso non autosufficienti) lasciati privi di assistenza, si somma lo strazio e la comprensibile preoccupazione delle famiglie impossibilitate ad avere contatti diretti con i loro cari.

Per questo propongo che venga incaricata per ognuna di queste residenza una unità di supporto psicologico con l’obiettivo di creare dei ponti di comunicazione – con l’ausilio di videochiamate assistite – che allevino l’ansia di chi sta fuori e la solitudine di chi sta dentro.

In una situazione come quella che stiamo vivendo – conclude Blasi – non possiamo abbandonare queste strutture al loro destino pensando che non sia un problema della collettività. Ne va della tenuta sanitaria, sociale e psichica delle nostre comunità”.