“Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto” (Lc 11,1-13)

E’ ciò che disse Gesù dopo che gli fu chiesto “Insegnaci a pregare” e lui consegnò all’umanità il Padre Nostro.

E’ con questo sentimento che domani i fedeli prenderanno parte al momento di preghiera in tutta Italia. Anche la Chiesa di Lecce, infatti, si unisce a tutte le diocesi nazionali accogliendo l’invito della Cei (Conferenza episcopale italiana), alle 21, per pregare, nel giorno di San Giuseppe.

A quell’ora dai balconi delle case saranno esposti un piccolo drappo bianco o una candela accesa, le campane delle chiese suoneranno per dare il via al momento di preghiera, e dalla cappella del seminario di Lecce l’arcivescovo in diretta su Portalecce (sito web e pagina Fb) darà inizio alla recitazione del rosario.

L’arcivescovo Seccia si è affidato a tutti i parroci per diffondere con ogni mezzo l’iniziativa nelle comunità e in tutte le famiglie cristiane

L’arcivescovo concluderà con la preghiera di Leone XIII rivolta a San Giuseppe: A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione ricorriamo e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, insieme con quello della tua santissima Sposa…”.