LECCE – Due fratelli tunisini finiscono nei guai per furto in appartamento. Si tratta di Achraf e Hamdi Oueslati, di 25 e 19 anni, arrestati in flagranza di reato dagli agenti delle Volanti della Questura di Lecce.

I due sono finiti in manette nella mattinata di ieri. Tutto ha avuto inizio quando una pattuglia delle Volanti, transitando lungo via San Nicola, ha notato il più giovane dei due scavalcare un cancello, per poi darsi a precipitosa fuga quando ha scoperto di essere stato notato dai poliziotti.

Braccato da uno degli agenti, il 19enne è stato bloccato dopo un lungo inseguimento a piedi ed è stato trovato in possesso di un cofanetto – risultato essere stato rubato dall’abitazione di due anziani – contenente monili in oro, 5 orologi di varie marche, un cinturino in acciaio Cartier, uno in cuoio Princes e due collane di bigiotteria. Condotto in questura e perquisito, il tunisino è stato trovato in possesso anche di un braccialetto di perle e di un orologio da donna.

Le indagini dei poliziotti hanno consentito presto di risalire anche al domicilio dell’altro fuggitivo, fratello del primo, sorpreso in casa insieme ad una 25enne di Trieste. Nell’abitazione sono stati rinvenuti 20 grammi di mariujana e 400 euro in contanti. Per entrambi è pertanto scattato l’arresto per furto aggravato in corcorso e resistenza a pubblico ufficiale, mentre il 25enne dovrà rispondere anche dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. La giovane trovava in casa del tunisino, invece, è stata indagata a piede libero per il medesimo reato.