NOVOLI (Lecce) – “Siamo perplessi davanti all’assoluto silenzio dell’Amministrazione De Luca nei confronti della nostra richiesta avanzata il 30 aprile, con la quale chiedevamo, in virtù della grave crisi economica provocata dall’emergenza sanitaria dettata dal Covid-19, di eliminare definitivamente i tributi locali inerenti le tre mensilità di marzo, aprile e maggio per le attività novolesi”. Lo afferma in una nota il Movimento Regione Salento di Novoli.

“Come ben sappiamo -continuano- per bar, pizzerie, ristoranti, parrucchieri, barbieri, estetiste e negozianti in genere sarebbe stato un ottimo ristoro che non avrebbe certamente risolto i problemi ma almeno non avrebbe inasprito le difficoltà. Soluzione attuata in altri comuni salentini in modo sereno. Novoli invece preferisce tacere in modo pilatesco.

Abbiamo sempre operato in un clima di estrema collaborazione con l’Amministrazione novolese, che in questo caso snobba però le nostre proposte senza sapere e capire che, così facendo, non causa un danno a noi ma all’intera comunità ed in modo particolare alle categorie di cui abbiamo parlato. Per questo – concludono- motivo non possiamo tacere e subire un comportamento così poco rispettoso. Auspichiamo, nonostante le mancate risposte, che le misure da noi consigliate vengano adottate, perché per noi sarebbe comunque motivo d’orgoglio dal momento che operiamo nel solo interesse del bene della nostra comunità”.