“Vietato toccare gli alunni”, ma la circolare shock sparisce dal web