Il ruolo dei giovani e il ricambio generazionale è fondamentale per garantire il successo delle numerose aziende enologiche del territorio.

Proprio per questo motivo, sono ormai numerose le cantine private che collaborano con le università locali per avviare percorsi di formazione specifica e inserimento dei neolaureati all’interno delle aziende vinicole. L’impegno delle cantine si unisce dunque a quello degli atenei per facilitare al massimo il passaggio dall’aula al mondo del lavoro, creando uno stretto rapporto con aziende locali e nazionali.

In ambito nazionale, Zonin vini ha lanciato in tal senso alcune iniziative particolarmente interessanti. Il progetto WinetoMany, ad esempio, è un contest proposto dalla casa vinicola Zonin con l’obiettivo di selezionare quelle che saranno le nuove leve dell’enologia Made in Italy e inserire la risorsa più promettente direttamente in azienda, attraverso uno stage formativo nelle sue cantine. Nell’ambito dell’edizione 2018, vini Zonin ha inoltre coinvolto alcuni gruppi di studenti universitari, dandogli la possibilità di partecipare al Vinitaly2018 e creare un originale racconto social della loro esperienza.

La filosofia degli wine lovers di Zonin

Oltre alle conoscenze tecniche e all’abilità nella degustazione dei vini, è ormai sempre più importante la capacità di comunicare, anche e soprattutto attraverso i nuovi media, per attrarre e coinvolgere i nuovi wine lovers. L’obiettivo dei progetti del gruppo Zonin è proprio quello di creare un punto d’incontro fra giovani, esperti del vino, blogger, designer e web copywriter per proporre nuovi metodi e strumenti per comunicare con efficacia le caratteristiche dei prodotti della cantina, e massimizzare la divulgazione della cultura del vino.

Gli enologi di nuova generazione, infatti, dovranno necessariamente avere dimestichezza con i social e il web copywriting, senza tuttavia mai sottovalutare la capacità di relazionarsi col pubblico e partecipare alle principali fiere ed eventi del settore.

Occasioni come il Vinitaly e il Prosecco Summer Tour organizzato da Zonin vini, sono infatti occasioni uniche e fondamentali per la diffusione della cultura del vino, oltre che per avvicinare i giovani al mondo dell’enologia di qualità. Iniziative di prim’ordine nel settore vini, che ogni anno vedono rinnovata la presenza delle migliori cantine Pugliesi.

Lo stesso territorio regionale continua a lavorare per incentivare la nascita di comitati e convention che permettano agli imprenditori del vino di proporre i loro prodotti nel contesto più favorevole possibile. Ad esempio il prossimo Wine Open Day a Lecce si preannuncia come una delle piattaforme più interessanti a livello nazionale per presentare le eccellenze dell’enogastronomia salentina.

In questi contesti i giovani sommelier dovranno saper guidare il visitatore nella degustazione del vino, descrivere ed esaltare le sensazioni che trasmette l’esperienza di degustazione di un buon vino ed esporre con capacità le qualità della cantina.

La degustazione dei vini secondo Zonin

Insegnare ai giovani come comunicare, di persona e attraverso i media, la passione e la cultura del vino, è fondamentale per il futuro del settore enologico italiano. Per questo Zonin punta sulla formazione di giovani enologi e sommelier, valorizzando la loro capacità di trasmettere passione anche ai non addetti ai lavori.

E’ ormai essenziale, anche per le cantine del Salento, poter contare su esperti di vini in grado di esprimere la bontà dei loro prodotti, sfruttando canali di comunicazione innovativi come lo storytelling e la visibilità online e sui social.

La prossima generazione di enologi, viticoltori e sommelier ha dunque davanti a sé anche il compito di saper descrivere i prodotti straordinari questa terra, attraverso una presentazione efficace sia per chi partecipa alle convention dedicate, che per il pubblico online e per chi si avvicina al settore enologico per passione, lavoro o semplice curiosità verso il mondo del vino. Un compito certamente impegnativo, ma essenziale per avvicinare turisti e appassionati alle eccellenze dell’enogastronomia Salentina, che rappresenta uno dei maggiori punti di forza dell’economia e della cultura del territorio.

 

 

CONDIVIDI