LECCE – Nei giorni scorsi gli agenti della Polizia Ferroviaria di Lecce sono intervenuti per salvare un uomo, di origini pakistane e senza fissa dimora, che voleva suicidarsi. L’uomo era nei pressi della ex rimessa treni dello scalo ferroviario di Lecce. Alla vista degli operatori, urlava dicendo di voler voler morire e di volersi buttare sotto un treno perché era stanco di vivere in quelle condizioni.

Con non poca fatica gli agenti riuscivano a convincerlo a desistere dal suo intento e ad accompagnarlo nei propri uffici.Durante il tragitto, però, lo straniero tentava più volte di divincolarsi con l’intento di lanciarsi sulle rotaie, ma, grazie agli agenti,lo straniero è stato calmato e poi affidato alle cure dei sanitari del 118.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Lecce hanno attuato le procedure del Protocollo “S.O.S. disagio psichico”, volte a favorire il dialogo e ad aiutare le persone in difficoltà che gravitano in ambito ferroviario.