LECCE – Nel segno del crossover e della contaminazione, “Musiche dal mondo”, il concerto di Antonella Ruggiero con l’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salentosabato 22 dicembre al Teatro Politeama Greco di Lecce con inizio alle ore 20.45 (replica a Brindisi, il 23 dicembre al Nuovo Teatro Verdi, ore 20.30).

Il concerto s’inserisce nella Stagione Sinfonica di OLES, con la direzione artistica di Giandomenico Vaccari e il coordinamento artistico di Maurilio Manca, ed è finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito delle Azioni di valorizzazione del sistema musicale in Puglia, con il sostegno dell’Assessorato all’Industria turistica e culturale, la collaborazione del Teatro Pubblico Pugliese e il contributo del Mibac. Il concerto-evento è organizzato in collaborazione con AMOPUGLIA Onlus, sezione di Lecce, e il ricavato della serata sarà in parte devoluto alle attività dell’associazione che, in prima linea, si dedica tutti i giorni a combattere la malattia del secolo.

L’idea alla base del nuovo spettacolo di Antonella Ruggiero con OLES è quella di esplorare, attraverso la musica, altri luoghi, altre tradizioni, di accompagnare lo spettatore lungo un viaggio che è musicale e al tempo stesso culturale. Il concerto con l’Orchestra Sinfonica di Lecce e del Salento rivelerà universi a volte conosciuti, altre sconosciuti, ma sempre un’occasione per attraversare e visitare altri suoni, altre storie e costumi.

“Musiche dal mondo” è un viaggio sonoro che attraversa tempi, luoghi e culture lontane e differenti. Se c’è una qualità che caratterizza un’artista come Antonella Ruggiero, è sicuramente il desiderio di conoscere e sperimentare sempre nuovi ritmi e culture, quando era “Matia” con i Matia Bazar e poi nel corso di una brillante carriera da solista. In scena, a Lecce, l’artista genovese esplora varie espressioni musicali del mondo arrangiate per l’orchestra sinfonica, dalla cultura religiosa africana alle atmosfere del fado portoghese, dalla canzone d’autore e tradizionale alla canzone d’Italia degli anni anni ’30 e ’40, a cavallo fra le due guerre. In programma: “Balada do Sino”, della famosa cantante portoghese Amalia Rodrigues, “Oh tu stele”, dalla tradizione friulana, “L’uccellino della radio”, canzoncina nonsense del 1940 resa famosa da Silvana Fioresi, “Caravan” di Duke Ellington, e tanto altro fino alla cubana “Guantanamera”. Naturalmente non mancheranno i grandi successi degli inizi con i Matia Bazar, come “Ti sento”, “Amore lontanissimo”, “Vacanze Romane” (quarta a Sanremo 1983), “Echi d’infinito” (classificata terza a Sanremo 2005), e tanti altri brani ancora.

Dopo il percorso con i Matia Bazar, durato quattordici anni e una pausa di sette anni, Antonella Ruggiero ha ripreso la sua attività nel 1996. Numerose le produzioni e le collaborazioni seguite alla lunga esperienza con il gruppo da lei stessa fondato, che mostrano tutta la versatilità e il talento di questa grande artista. Antonella Ruggiero passa con disinvoltura dalla musica sacra ai musical di Broadway, tra l’oriente e l’occidente, riproponendo in veste sempre nuova il proprio repertorio e quello della canzone italiana. Nell’autunno 2018 è stata pubblicata la nuova opera discografica in sei dischi e centottanta pagine, “Quando facevo la cantante”. Centoquindici brani in cui l’interprete e autrice raccoglie il meglio delle sue registrazioni live dal 1996 a oggi, brani registrati sia in concerto che in studio e mai pubblicati finora.

Sul podio a dirigere, il Maestro Valter Sivilotti, che ha curato gli arrangiamenti del concerto. Pianista, compositore e direttore d’orchestra tra i più acclamati della sua generazione Valter Sivilotti ha lavorato, scrivendo e arrangiando, per i più noti artisti provenienti dal mondo della canzone d’autore, del jazz e della musica etnica.

Biglietti disponibili in prevendita al botteghino del Teatro Politeama Greco di Lecce e online su www.politeamagreco.it a 15 e 12 euro (per over 65, under 18, studenti universitari, Conservatorio e Accademia Belle Arti).