MELISSANO (Lecce) – Gli agenti li hanno sorpresi mentre tagliavano gli alberi di ulivo con una segna a motore e, così, sono stati arrestati e ristretti ai domiciliari. Nei guai sono finiti due giovani 25enni, Manilo Mosticchio e Manuel Scafa, di Taviano e Racale, arrestati in flagranza di reato dagli agenti del commissariato di Gallipoli in collaborazione con il personale della Polizia Municipale di Melissano.

L’arresto dei due ragazzi è scattato attorno alle 13.30, quando una pattuglia delle Volanti è intervenuta a Melissano, in località “Quarta”, a ridosso della provinciale che collega Melissano con Felline, dove era stato segnalato un furto di legna in atto.

Giunti sul posto, i poliziotti hanno così colto sul fatto i due 25enni, intenti a recidere gli alberi di ulivo con una sega a motore e ad accatastare la legna tagliata su un autocarro. Per entrambi è così scattato l’arresto. Non è escluso si tratti degli autori di altri furti di legna, denunciati dal proprietario del terreno negli ultimi tempi. L’autocarro e l’attrezzatura utilizzata per il furto sono stati sequestrati, mentre la legna è stata restituita al legittimo proprietario. Per Mosticchio e Scafa sono scattati gli arresti domiciliari. I due giovani, questa mattina, sono stati processati, condannati e rimessi in libertà. A difenderli l’avvocato Elita D’Amilo.