Foto Giulio Schirosi

CASTRÌ (Lecce) – Nel freezer carcasse di cani e nessuna documentazione che certificasse la corretta gestione dei rifiuti e dei liquami generati dalla pensione cinofila di cui è proprietario. È quanto hanno scoperto a Castrì di Lecce i militari del Nipaf, i Nuclei investigativi di polizia ambientale e forestale dell’Arma dei Carabinieri, all’interno di una struttura per cani gestita da un 58enne del posto.

Durante l’accertamento dei carabinieri, l’uomo – R.Q.D. le sue iniziali – non ha fornito alcuna documentazione relativa alla gestione dei rifiuti e dei liquami generati nella pensione cinofila. Inoltre, non ha esibito alcuna regolare documentazione relativa allo smaltimento delle carcasse di alcuni animali (probabilmente cani), rinvenuti dai militari all’interno di un congelatore.

Il frigo è stato sequestrato, mentre l’uomo è stato denunciato a piede libero con l’accusa di smaltimento illecito di rifiuti.