LECCE – «Le parole di Adriana Poli Bortone in televisione sono di una limpidezza unica e accendono un faro di attenzione su una questione che sta diventando patetica ed antipatica.
Noi di Forza Italia siamo da sempre contrari alle primarie, così come è contrario il Presidente Berlusconi.
A Lecce abbiamo proposto la figura politica più autorevole, importante, valida, onesta, donna d’esperienza che da sindaco ha trasformato la nostra bella città.
lo pensavo e lo penso ancora; in questo particolare momento soltanto un politico come lei può risollevare le sorti della nostra città.
“La segreteria provinciale ed il direttivo di F.I. diventerebbe debole politicamente se dovesse fare retromarcia dal No alle primarie. Al di là del nome, perché io non ho chiesto nulla, se lo decide il direttivo bisogna sostenerlo”, queste sue parole spiegano al meglio quella che potrebbe essere la fine per la segreteria ed il direttivo di Lecce, per veti familiari che nulla hanno a che fare con l’opportunità politica.
La nostra scelta è stata collegiale e la si deve portare avanti ancor di più perché alcun esponente e partito del centrodestra hanno manifestato dubbi sulle qualità, non ponendo altre candidature ma invocando, senza la presenza di ufficiali contendenti, le consultazioni primarie.
Le primarie le avremmo anche noi valutate di buon grado se fossero state regolamentate per legge ma così no, così sono una pantomima, non possiamo farci mettere all’angolo da eventuali vecchi giochini di potere.
Chi fa nel nostro interno valutazioni diverse, a margine di queste riflessioni, significa che non ha a cuore le sorti di Forza Italia e del centrodestra tutto.
La dignità e l’onore lo abbiamo già sacrificato con le scelte delle candidature alle politiche in cui nessuno ha richiesto le primarie e siamo andati con lealtà con altri amici di coalizione perdendo malgrado l’unità.
Forza Italia è stata sacrificata perdendo percentuali enormi di voti ed oggi dovrebbe esser risarcita per poter avere almeno una presenza Istituzionale con la nostra candidatura che, inevitabilmente, porterà il centrodestra alla vittoria contro la sinistra.
Questo è il mio pensiero. Adriana Poli Bortone, profilo benvisto e apprezzato anche da tante liste civiche, rappresenta il lusso della politica non solo leccese ma anche nazionale. Per questi motivi chiedo l’intervento del Presidente Silvio Berlusconi che sempre ha stimato e voluto Adriana in modo da mettere un punto a questa vicenda». Lo scrive Paolo Pagliaro, dirigente nazionale di Forza Italia, in una nota.