REGGIO EMILIA/ LECCE – Riceve alcuni capi d’abbigliamento in conto vendita, ma poi sparisce dalla circolazione con tutta la merce. E così viene denunciato a piede libero con l’accusa di appropriazione indebita.

Il protagonista è un commerciante leccese di 50 anni, deferito nei giorni scorsi in stato di libertà dai carabinieri della stazione di Reggio Santa Croce.

I fatti di cui è accusato il salentino si sono verificati a Reggio Emilia. Secondo quanto accertato dai militari, l’uomo nel novembre scorso aveva ricevuto da una 70enne del posto alcuni capi d’abbigliamento in conto vendita – per un valore di circa 500 euro – che il commerciante si era impegnato a rivendere nella sua attività commerciale.

Quando la donna si è recata nel negozio del leccese per riscuotere i proventi della vendita, tuttavia, ha scoperto non solo che l’esercizio commerciale era ormai chiuso ma anche che il commerciante salentino era sparito nel nulla, portandosi via la merce. Accortasi di essere stata raggirata, la vittima si è così rivolta ai carabinieri. E per il negoziante è così scattata la denuncia.