LECCE – “Vogliamo una città che abbia una riduzione delle emissioni di co2, viaggiando diritta verso forme di mobilità attiva pedonale e ciclabile. Ma i cittadini devono avere la certezza di poter percorrere in sicurezza la città su due ruote. La rete delle piste ciclabili esistente è insufficiente e abbandonata: ci sono piste che si interrompono nei nodi di traffico, alcuni tratti su marciapiede ormai scoloriti, altri percorsi sono impraticabili con auto parcheggiate, sporcizia, vetri rotti, buche.”Lo dichiara il candidato sindaco M5S, Arturo Baglivo.

“Mi chiedo perché all’interno dei lavori di riqualificazione, dal Viale degli studenti alle Mura urbiche, non si è pensato a creare una vera pista ciclabile. Lo spazio c’era ma è mancata la volontà politica. Oggi tutti si dichiarano favorevoli alla mobilità lenta ma, alla prova dei fatti, le passate amministrazioni se ne sono sempre disinteressate. È compito dell’amministrazione comunale offrire al cittadino delle valide e sicure alternative di mobilità urbana. Vogliamo piste ciclabili vere, che percorrano la circonvallazione interna e i viali della città. Proprio per questo, nel nostro Pug dedicheremo uno spazio importantissimo al piano urbano per la mobilità sostenibile, che passerà attraverso il Biciplan, punto cardine del nostro programma. Pensiamo alla realizzazione di velostazioni in cui poter lasciare la bici in modo sicuro.

Importante sarà anche la realizzazione di parcheggi e stazioni di interscambio, i cosiddetti “hub intermodali” tra linee (urbane ed extraurbane), tra mobilità privata e quella pubblica, da quella personale a quella condivisa, dalla gomma al ferro, situati all’esterno della città o presso le arterie principali di accesso, serviti da navette e con la possibilità di noleggiare in condivisione biciclette e auto elettriche, oltre alla possibilità di trasportare su alcuni autobus le biciclette. Si potrebbe creare un servizio come la Bicicard: una tessera con la quale il visitatore che parcheggia l’auto ottiene in cambio una bicicletta, l’ingresso gratuito ai Musei Civici, sconto alle mostre temporanee, nei ristoranti, negli hotel e nei negozi convenzionati.

Bisogna sempre tenere a mente che la viabilità incide fortemente sul livello di inquinamento dell’aria e sulla vivibilità della città. Auto imbottigliate nel traffico, come si vedono in questi giorni a causa dei lavori stradali, producono un maggior numero di emissioni, pertanto bisogna eliminare tutto ciò che impedisce un regolare flusso del traffico cittadino, ripensando organicamente la viabilità cittadina e la logistica urbana. Solo così Lecce potrà diventare una città green ed ecosostenibile”.