LECCE – MPL scende in campo per la prima volta: l’associazione culturale nata nel 2012 e guidata da Antonio Lamosa sostiene Adriana Poli Bortone, “perché è una sindaca forte, che è riuscita a trasformare la città e riuscirà a fare ancora tanto”. “Purtroppo negli ultimi anni, sia le amministrazioni di destra che quelle di sinistra non sono riuscite a dare continuità al lavoro di Adriana Poli Bortone, che aveva sviluppato i settori culturali ed economici di questa città – dichiara Antonio Lamosa nell’intervista che potrete vedere cliccando sull’immagine – Vigliamo riprendere il percorso da dove era stato bloccato. La senatrice dopo aver cambiato il volto del centro storico stava lavorando per le marine, poi le amministrazioni che si sono susseguite hanno dimenticato tutti i progetti di rilancio. Noi vogliamo ripartire dalle marine. Vogliamo dare il nostro contributo per far rifiorire il commercio e l’economia della città.

Negli ultimi 18 mesi Lecce si è addormentata, il centro storico è stato penalizzato: non si può trasformare un centro vivo in un quartiere dormitorio. Turismo, movida, attività produttive devono rifiorire! Dobbiamo rivitalizzare le marine incentivando la movida e gli eventi lì. Lecce è una città di mare: bisogna creare le opportunità e far sì che gli imprenditori invece di scappare via investano! Stesso discorso per i lidi: non si può fare un nuovo Piano delle coste che chiude tante strutture. È necessario puntare sugli imprenditori rispettando l’ambiente, senza penalizzare le imprese. Io estenderei la festa di Sant’Oronzo alle marine, con eventi e manifestazioni: farei la processione in acqua come tutti i paesi di mare. Insomma, ci sono tante idee da sviluppare per una zona importante di Lecce che è stata dimenticata per troppi anni”.