ROCA VECCHIA (Lecce) – Nonostante l’ordinanza sindacale del comune di Melendugno, che vieta l’accesso e la balneazione nell’area archeologica, questa mattina un uomo di 45 anni si è tuffato ed è rimasto ferito dopo aver battuto la testa sulla scogliera. L’uomo è stato accompagnato in ospedale dai sanitari del 118 che hanno raggiunto la zona, su richiesta di altri presenti.

La ferita non era molto grave ma il 45enne ( F.R. ) ha comunque rifiutato il ricovero consigliato dai medici per rimanere “sotto osservazione” ed essere sottoposto ad ulteriori controlli. Non era certo l ‘unica persona presente nell’area archeologica di Roca Vecchia, anzi, il divieto di accesso viene sistematicamente ignorato da numerosi bagnanti.Nonostante venga spiegato sui cartelli informativi che la zona è, tra le altre cose, a rischio crollo, sono in molti a non rispettare i divieti presenti.

Il sindaco di Melendugno, Marco Potì, ha invitato tutti a rispettare la norma e al controllo della zona. Inoltre ha commentato l’episodio come un atto “di imprudenza e imperizia”. Ha infine lanciato “un appello al buon senso, alla correttezza e alla vigilanza da parte di ogni singolo abitante o turista”.