Recita un detto popolare, declinato nelle diverse flessioni dialettali che il ‘cane morde sempre lo straccione’. Un proverbio che diventa poesia in dialetto leccese con Carlo Vincenzo Greco, ‘pe lla pezza ci a nculu tieni scìsa, lu cane a tie se mina’, ed un monito, una lezione di vita nel finale. Qualunque commento non renderebbe adeguatamente la genuinità e l’ilarità che scorre nei versi. L’autore inizialmente più pacato, da strofa in strofa, sembra incalzare con la sua ironia per ricordare a cinca ae camenandu artolocatu che se dha bella soa pichèssa se bba strazza, listessa cosa etìi ca ne cumbina, perché nonostante tutto quistu, beddhi mei, è lu destinu.

Pe lla pezza ci a nculu tieni scìsa,
lu cane a tie se mina…a dhu strazzatu,
percè randagiu e tantu tiscrazziatu,
muertu te fame e cu lla lingua mpìsa,

nu riesce cu se zicca alla camìsa
o allu custume, tuttu plissettatu,
te cinca ae camenandu artolocatu,
e tira ccenca pote, alla mpruìsa.

Sulu pe quistu, caru signurinu,
lu cane a tie nu bbene cu se mina;
ma se na quarche fiata pe discrazzia,

dha bella toa pichèssa se bba strazza,
listessa cosa etìi ca te cumbina,
ca quistu, beddhi mei, è lu destinu.