I vivaci e realistici versi di Carlo Vincenzo Greco ci immergono in un’atmosfera che hai i colori, i sapori, i profumi della nostra tradizione popolare. Dalle pittulichie e rapecaule alla fiera te li pupi il poeta ci immerge nel ritmo delle solennità religiose vissute e partecipate, condivise secondo gli usi della pietà popolare. Manca picca ormai a Natale , sienti ndore te dha festa, che non ha tempo, né fine. Natale per sempre…

Quandu rria la Mmmaculata
A llu iernu stamu cucchi,
l’aria ormai s’à ddefrescata,
s’ànu nchiati li fenucchi.

Te la taula su’rescine
pittulicchie e rapecaule
E de basciu ‘lle cantine,
te lu mieru tante ucale.

Nc’ete tundu e casu caddhu,
nuci,ulie e nn’autru sursu
se nu stuezzu te taraddhu
se nd’àscisu stertu, à scursu;

e se fore lu citrune
ntosta le acque te li lacchi,
la furnara allu craune
minte pizze e ddo’culacchi.

È cu tutte dhe gelate
ca poi rria lu Natale;
purceddhuzzi e ncarteddhate
su’ già pronti pe ll’angale,

ma la mamma li bba ccògghie,
nu bbe’ tiempu cu li saggi,
tocca ssienti ncora dogghie
e bbe’ inutile tte rraggi.

Sulu te Santa Lucia
Quandu la città e’ nna esta
Te presepi e llecrìa,
sienti ndore te dha festa.

Propiu tandu rria Natale,
tice mamma cu deuzione
ca sta Santa e’ speciale
e secundu tradizione,

la matina alla chiazza
alla festa te li pupi,
ognetunu già se mbrazza,
nci se scangianu l’aucuri.

Manca picca ormai a Natale,
e la gente tutta quanta
te sta festa Nniversale,
spetta già la notte Santa;

quandu finarmente rria
allu senu te campane,
se unura lu Messia
ca pe nui e’ Vita e Pane.