TREPUZZI – L’ultima gara prima del blocco totale delle attività sportive causato dall’emergenza Coronavirus, si è svolta presso il PalaFlorio di Bari in occasione della nuova edizione dei campionati interregionali Puglia di Taekwondo. Centinaia di atleti provenienti da Basilicata, Calabria, Molise, Basilicata, Campania e Puglia si sono confrontanti sul tatami, nell’ambito della competizione indetta dalla Fita (Federazione Italiana Taekwondo).

La classifica per società ha visto primeggiare la New Martial Mesagne seguita rispettivamente dalla Kim Yu Sin di Bari e dalla Olympic Giannone di Trepuzzi. Quest’ultima è salita sul terzo gradino del podio al netto di ben sette ori, due argenti e un bronzo. Un risultato molto importante giunto in una manifestazione di prestigio che ha appesantito il ricco medagliere della palestra del maestro Franco Giannone. Spiccano le medaglie d’oro di Martina Calvara (+68 kg Junior), Claudia Mazzotta (-67 kg Senior), Giulia Maggiore (-59 kg Junior), Luigi Spagnolo (-33 kg Cadetti A), Alessio Rampino (-49 kg Junior), Andrea Panico (-45 kg Cadetti A) e Vanessa Panzanaro (-37 kg Cadetti A). Le tre medaglie d’argento appartengono invece a Vladimir Palmieri (-63 kg Junior), Melissa D’Agostino (-37 kg Cadetti A) e a Luca Miglietta (-57 kg Cadetti A). Tra le medaglie di bronzo si annoverano i nomi di Greta Calvara (-51 kg Cadetti A), Alessandro Doria (-49 kg Cadetti A), Mirko Romano (-49 kg Cadetti A), Nicolò Solazzo (-57 kg Cadetti A) e Alessio Miccoli (-45 kg Junior). La Taekwondo Olympic Giannone ha fatto incetta di allori sbaragliando la concorrenza di diverse società partecipanti, nel contesto di una manifestazione dall’elevato tasso tecnico.

La palestra di Trepuzzi, inoltre, era reduce dal trionfo all’Open di Croazia a Zagabria, dove conquistò io primo posto di società in virtù delle prestazioni eccellenti di Stefano Maggiore e Melissa D’Agostino. “Nella nostra scuola ci sono giovani che stanno crescendo tanto e hanno ampi margini di miglioramento – spiega il maestro Franco Giannone -. Gli atleti di punta della Olympic sono Mario Covello, Melissa D’Agostino, Martina Calvara, Alessio Rampino e i gemelli Stefano e Giulia Maggiore. Ho ragione di poter credere che questi ragazzi possano compiere il salto di qualità a livello europeo. In prospettiva sono indubbiamente i più bravi. In questo periodo difficile provocato da questo brutto virus, ho dato alcune indicazioni ai miei allievi su come allenarsi a casa per mantenersi in forma”.