LECCE – Il sindaco Luigi Arcuti non ha chiuso occhio questa notte: nel paese è scoppiato il panico e la gente ha cominciato a trattare come un untore il povero paziente (che per giorni è stato asintomatico) di Aradeo che è stato contagiato. Il primo cittadino, con al suo fianco il direttore generale dell’Asl di Lecce, durante la riunione in Prefettura con il Comitato per la sicurezza, rivolge a tutti un appello alla calma: “Abbiamo isolato i possibili contagiati: ora sono tutti in quarantena. Gli uffici pubblici resteranno aperti, ma le scuole chiudono per permettere di fare interventi di disinfestazione e sanificazione.

La situazione è sotto controllo e il nostro concittadino ha agito correttamente: era asintomatico, ma aveva già avvisato i sanitari di essere stato nei territori a rischio. Ha avuto dei sintomi ieri, ma comunque sta bene” (cliccate sull’immagine per ascoltare la dichiarazione integrale ndr). Ad Aradeo è scattata l’allerta per bloccare il contagio: vedremo nei prossimi giorni quanto sarà stata efficace.