LECCE – “Zero nuovo contagi anche oggi: ventotto giorni consecutivi senza casi positivi in città”. Il sindaco Carlo Salvemini gioisce per l’ennesima buona notizia: il SARS-CoV-2 sembra non colpire più. Ma il sindaco puntualizza: “Ripeto: se non fossimo dentro una pandemia globale potremmo dire che ‘Lecce è libera dal covid 19’. Ma quello che accade nelle altre parti del Paese e nel mondo – con 213 Stato colpiti dal virus – ci riguarda.

Consideriamo questo dato il riconoscimento della grande prova di resistenza civile dimostrata dalla città durante il lockdown e della straordinaria risposta dei nostri medici e infermieri negli ospedali e sul territorio. È un risultato che ci siamo conquistato col sacrificio, l’impegno e la responsabilità:
non ci è stato regalato e non era scontato. Ora dobbiamo preservarlo e controllarlo, pronti a intervenire se necessario. Dall 3 giugno – ha stabilito il governo – comincia la Fase 3: ci si potrà muovere liberamente in tutta Italia, da nord a sud da est a ovest. senza limiti né autocertificazioni.

Sappiamo che questa scelta definisce opportunità – limitare la
libertà di movimento comporta un prezzo da pagare in termini di ricchezza per le nostre comunità- e si accompagna ad un rischio calcolato:
senza immunizzazione collettiva e senza vaccino la ripresa delle interazioni sociali aumenta il rischio di nuovi contagi.

Dobbiamo imparare a convivere con questa realtà sapendo che rispetto a febbraio come sistema Paese siamo più capaci e organizzati, pronti a gestire eventuali nuovi focolai; sapendo che un nuovo lockdown nazionale sarebbe un colpo pesantissimo da affrontare.

Dobbiamo affrontare questa Fase 3
animati da fiducia, resistenza, coraggio, responsabilità, consapevolezza, audacia.
virtù che abbiamo dimostrato di possedere. Andiamo avanti, uniti”.