CAVALLINO (Lecce) – Sport e tecnologia, un binomio sempre più consolidato a servizio degli atleti professionisti ma anche di quanti praticano giornalmente attività fisica.

Eppure c’è ancora un mondo che resiste al correre del tempo scandito dai supporti high tech: è la palestra dei boxer.

Una di queste è “Il Culto” Asd, in via Quasimodo n°5 a Cavallino (Lecce). A gestire l’associazione sportiva dilettantistica, è  Davide Quarta, maestro di Muay Thai (boxe tailandese), insieme ai suoi due collaboratori: Antonio Castelluzzo, maestro di Kick Boxing e Vincenzo Virzo, maestro della nobile arte della boxe.

Tre arti, tre maestri, per un tris di competenze, esperienze sportive e amore per il ring che dal 2012 sono state messe a disposizione di quanti frequentano “Il Culto”. Un nome che racchiude l’essenza della mission: la divulgazione dello sport da contatto e delle arti marziali.

Nella palestra dei pugili di Cavallino infatti dai più piccoli (è possibile iscriversi a partire dall’età di 6 anni), all’atleta di punta professionista, il 25enne Antonio Paladini categoria Muay Thai, il percorso di crescita è incentrato sull’asse naturale della formazione fisica, caratteriale e della disciplina.

Regole di base soprattutto per i ragazzi, futuri protagonisti della società del domani, utili per affrontare al meglio il ring dello sport e della vita. Amore per il combattimento, per alcuni. Mentre per altri “Il Culto” è una valida alternativa alla classica palestra tecnologica in cui, nel più assoluto silenzio, a scandire il ritmo è la musica dei pugni tirati al celebre sacco.

Sport per tutti, quindi, in via Quasimodo n° 5 a Cavallino dove ognuno con il suo obiettivo, traguardo sportivo o voglia di staccare dalla quotidianità e dalla compulsività dei social network, può provare a sognare in grande o semplicemente rimettersi in forma a colpi antistress di May Thai, kick bxing e boxe.

“Il Culto”
Via Quasimodo n°5, Cavallino (Le)
Pagina Facebook: Il culto Asd

 

Pino Montinaro