LECCE – Ieri abbiamo parlato degli allagamenti a Torre Chianca alla prima bufera. Oggi interviene il capogruppo FDI, Michele Giordano, al Comune di Lecce per esortare l’amministrazione a risolvere definitivamente il problema:   “L’ennesima esondazione dei canali di Torre Chianca ha imprigionato i residenti nelle loro case: ancora una volta i cittadini che abitano in quelle zone vengono abbandonati a se stessi. Le denunce fatte sono cadute nel vuoto. Bisognerebbe garantire la manutenzione ordinaria e straordinaria dei canali, ma ogni volta ci troviamo di fronte a scene che non sono degne di un paese civile. Il manto stradale si è trasformato in un fiumiciattolo impercorribile. Sono scene che si ripetono ogni volta che si verifica l’esondazione del canale Fetida in via del Tiglio, quando lo sbocco dell’Idume viene ostruito. Basta un temporale per mandare in tilt tutta la zona. Il Consorzio Ugento Lì Foggi dovrebbe garantire il taglio della vegetazione, il dragaggio e le manutenzioni necessarie a non far sentire cittadini di serie B i residenti di Torre Chianca. Ma non è possibile che il Comune resti ancora a guardare: perché salute e sicurezza pubblica sono competenza dell’amministrazione leccese.

Non basta la visita di un tecnico della Lupiae, che è avvenuta in questi giorni, a risolvere i problemi. Il Comune può e deve fare di più. Riaprire la foce non risolverà definitivamente il problema: ci vogliono interventi puntuali e strutturali. Questa è l’ennesima dimostrazione che le marine leccesi non sono la priorità di questa amministrazione. La Regione Puglia dovrebbe essere sollecitata a intervenire: i soldi per questo genere di interventi ci sono, basta solo vincere l’immobilismo che caratterizza l’amministrazione Salvemini”.