All-focus

di Oronzo Perlangeli

CAMPI SALENTINA (LECCE) –  Nella mattinata odierna per una parte dell’agone politico campiense è scoccata l’ora della decisioni irrevocabili. Alfredo Fina lancia la sua candidatura a sindaco. “Mi metto a disposizione della mia gente”. Alla conferenza stampa hanno preso parte i rappresentanti dell’associazione L’Alternativa, della minoranza del PD cittadino, della Sinistra Italiana e di Articolo Uno – MDP che,  insieme ai consiglieri uscenti di maggioranza, hanno manifestato il sostegno alla candidatura del già Vicesindaco nella passata amministrazione Zacheo, alle prossime elezioni amministrative di primavera.

Una  decisione questa, come hanno spiegato i presenti,  assunta sulla base di un giudizio positivo sull’operato dell’amministrazione uscente e sulla base dell’esigenza di completarne il programma, selezionando, tuttavia, una serie ulteriore di priorità da affrontare per rafforzare la dotazione infrastrutturale di Campi, svilupparne i servizi pubblici e sociali, salvaguardare il patrimonio artistico-culturale, con il rilancio della “Città del Libro” e tutelare l’ambiente, con una più efficace politica dei rifiuti.

Portare la città di Campi verso una nuova fase della sua modernizzazione: questo l’obiettivo di questa candidatura sostenuta dalle forze democratiche di sinistra e civiche. Un obiettivo da raggiungere attraverso un grande piano di completamento e di manutenzione delle infrastrutture – strade, centro storico e periferie – attraverso il miglioramento dei servizi pubblici e di quelli alla persona, con un’attenzione particolare verso i più vulnerabili. La cultura e la sanità saranno, poi, capitoli di programma di primissima grandezza per la crescita sociale e civile della città.

“Metto la mia esperienza, quello che so e che quello che sono a disposizione della mia città e dei miei concittadini – dichiara Alfredo Fina -. Ringrazio le forze politiche e civiche che oggi siedono al mio fianco e che insieme a me si faranno garanti di un percorso politico nuovo che intende rendere Campi una città migliore, più vivibile e attenta a chi, troppo spesso e per varie ragioni, è vulnerabile e più bisognoso di supporto e aiuto. La nostra intenzione è quella di costruire sin da subito un programma elettorale partecipato che, partendo dai valori della trasparenza, della legalità, della coesione sociale e tenendo ben a mente l’obiettivo dello sviluppo sociale, culturale ed economico della nostra comunità, raccolga le idee e le proposte dei cittadini. Questo percorso è già stato avviato qualche giorno fa con la presentazione di “Campi 2019 – la città che sarà”,  un percorso fatto di incontri e confronti su tematiche diverse e sulle principali priorità della città, attraverso il quale raccoglieremo tutte le sollecitazioni e le indicazioni dei cittadini per costruire un programma elettorale che meglio rappresenti le esigenze di tutti noi. La compagine che mettiamo  in campo opererà in un clima complessivo di comprensione reciproca tra le forze diverse che la compongono, di effettiva convergenza sulle cose da fare e di un’efficace corresponsabilità. Insieme a noi ci saranno tante donne e tanti uomini tra i quali siano riconoscibili, nello stesso tempo, esperienza di governo, ma anche rinnovamento generazionale e capacità innovativa. La Segreteria cittadina del PD e “La Puglia in più”, che pure erano state parte della maggioranza e dell’esecutivo uscenti, purtroppo, non hanno inteso raccogliere l’appello che più volte abbiamo rivolto loro.

Ciò ci induce a prenderne atto in modo incontrovertibile e ad imprimere un’accelerazione al percorso che abbiamo già manifestato nel corso dell’iniziativa pubblica dello scorso 28 gennaio.  Il nostro obiettivo è il buon governo della città. Un governo efficiente ed efficace, che si misuri con le attese delle persone e con le novità che si affermano sulla scena cittadina. Un governo che faccia del palazzo municipale una vera e propria casa comunale aperta al controllo e alla partecipazione dei nostri concittadini”.