Una scenetta frizzante che ci porta sulle spiagge del nostro Salento. Alla ripa te lu mare di Carlo Vincenzo Greco, ci fa ridere e sorridere anche sotto il cocente solo di luglio. Una “macchietta” salentina che riproduce i colori, i toni, i profumi saporiti di tante scenette viste e riviste sulle nostre spiagge. E all’aumentare delle temperature, forse, solo un tuffo nella fresca acqua del mare potrebbe donare sollievo. Tra realismo ed umorismo!

di Manuela Marzo

“ALLA RIPA TE LU MARE” di Carlo Vincenzo Greco

Stau ssettatu e pigghiu sule

alla ripa te lu mare,

uardu a ncelu, nu nc’è nuule,

isciu sulu dderlampare

dha patacca tutta fuecu.

L’ecchi poi te coste minu,

autru fuecu isciu a nturnu,

nu bichini bellu chinu,

comu quandu stai allu furnu,

me rrussisce tuttu susu,

e la fantasia ccumenza

cu me ola a ritta e a manca

e lu sule…ci lu penza

moi ca stisa cu nnu tanga

na biundazza me sta uarda?

Dha patacca ntantu osce,

usu fuecu te pampugghie,

capu, spaddha, piettu, cosce,

tiscetieddhi, cueru e ndugghie,

tuttu quantu me sta bbampa.

Per furtuna nu uagnone,

ca sciucava cu ddo’ sicchi

chini t’acqua te lu mare,

me stutau la passione,

nzurfisciandume nnu picchi.