GALATINA (Lecce) – “Popoli in Puglia”, un libro che attraversa le tante presenze di stranieri nella regione, è stato presentato, ieri mattina, nella sede dell’Istituto Comprensivo Polo 3 di Galatina alla folta rappresentanza di alunni che hanno preso parte all’iniziativa con forte coinvolgimento. È la prima di una serie di presentazioni durante le quali, come è accaduto questa mattina, il libro sarà  distribuito agli studenti delle scuole secondarie di primo grado.

All’evento ha preso parte l’assessore all’Istruzione, alla Formazione, al Lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo e Alessandra Caragiuli, autrice del volume frutto del progetto “Popoli In Puglia” ideato ed editato dall’associazione Espressioni (associazione di sviluppo territoriale dedita ad attività di sensibilizzazione e crescita culturale) e sostenuto dal Consiglio Regionale nell’alveo della linea editoriale LEGGI LA PUGLIA di iniziativa consiliare.

Con queste pagine l’autrice ha tratteggiato uno spaccato sociale che va dal Gargano a Santa Maria di Leuca, terra di frontiera e di passaggio che, proprio per la sua posizione geografica – oggi come ieri – la vede cerniera tra Occidente e Oriente, tra Nord Europa, continente africano e Medio Oriente.

La presentazione di questa mattina ha confermato che l’obiettivo del progetto: far conoscere ai giovani i diversi popoli che vivono insieme pacificamente nel territorio pugliese, con la loro pluralità di lingue e culture, ha colto nel segno. Ne hanno dato ampia dimostrazione gli alunni con il loro entusiasmo presentando i compagni stranieri che frequentano il Polo 3, perfettamente integrati nella comunità scolastica esempio e specchio di una convivenza civile a cui rimanda il progetto “Popoli in Puglia” che sarà distribuito nelle scuole per esaltare il valore del rispetto di ogni essere umano, tanto più se si trova in condizioni di debolezza e svantaggio, ma anche per sensibilizzare sull’importanza della comprensione delle ragioni dell’altro per vivere pacificamente insieme.

Con queste premesse l’assessorato all’Istruzione della Regione Puglia ha inteso impegnarsi nella promozione della conoscenza dell’identità dei popoli presenti sui territori pugliesi e delle loro culture per comprendere la profondità e la ricchezza che la contaminazione di idee può produrre. Conoscere rappresenta la via privilegiata per l’incontro di culture e il superamento della paura verso l’altro, per una società civile orientata all’accoglienza e dell’integrazione.