LECCE – Soddisfazione tra i Sindaci per il risultato raggiunto con la chiara dichiarazione del Presidente Emiliano di impegnarsi ad eliminare l’impianto di compostaggio di Cavallino dal piano regionale dei rifiuti. Dopo decenni di battaglie l’impianto di compostaggio ancora incombe su un territorio martoriato e fortemente vessato a livello ambientale. Il pubblico impegno del Presidente della Regione concede ottimismo ad un territorio che rischia – diversamente – di essere la panacea dei rifiuti di tutto il Salento a scapito delle migliaia di cittadini insistenti e delle loro comunità.

L’azione congiunta di tanti sindaci con il supporto di tutti i consigli comunali ha portato ad un risultato straordinario e tanto atteso dalle comunità locali, oramai terrorizzate dai livelli di compromissione ambientale raggiunti nell’area.

Ottimisti dunque i  sindaci che accolgono il sollievo delle popolazioni locali alla notizia:  “Si tratta di un risultato storico che conclude anni di battaglie.  E’ la dimostrazione che l’unione fa la forza. Per la prima volta tanti sindaci, hanno sposato e condiviso una causa a difesa di tutto il territorio. Il Presidente Emiliano, che ringraziamo per la disponibilità, ha compreso bene come ormai questo territorio abbia già pagato tanto in termini di qualità della vita. Questo fondamentale obiettivo è stato possibile solo grazie ad una presa di posizione forte e netta da parte dei sindaci e del territorio tutto. Si tratta di un’operazione di “giustizia sociale” che redistribuisce il carico ambientale in maniera differente. Ora è tempo di procedere immediatamente alla revisione del piano regionale con una nuova programmazione condivisa da tutti, e non perseguita dalla logica singola ed interessata di qualcuno”.