Gabriel 6: non può nulla sui gol. Ordinaria amministrazione in tutta la gara dove in pratica il Parma non tira mai in porta se non in occasione dei due gol che decidono l’incontro.

Donati 6,5: migliore in campo per i giallorossi. Non sbaglia un pallone e riesce a mantenere la stessa qualità sia in fase difensiva che in quella offensiva. Peccato che sia uno dei pochi ad interpretare la gara col giusto piglio dal primo all’ultimo minuto.

Lucioni-Rossettini 5: grande partita per entrambi. Poi però guardi i due gol del Parma e vedi che nascono da conclusioni effettuate in totale libertà dai giocatori gialloblu. La responsabilità non può essere certamente di chi è in tribuna a tifare. Loro due devono comandare il reparto e i loro compagni per non far accadere quello che è accaduto e che ha nuovamente costretto i giallorossi ad uscire dal campo con zero punti.

Dell’Orco 4: inadatto, inadeguato, mai utile alla squadra. Non si può continuare a schierare un giocatore che sbaglia tutti i palloni che tocca e non riesce nemmeno ad essere utile in fase difensiva.

Petriccione 6: poca roba per il centrocampista giallorosso che sembra attraversare un periodo poco brillante. Molto compassato in fase di possesso non riesce mai a trovare la giocata importante.

Tachtsidis 6: né carne né pesce. Non dispiace la sua partita, ma, al tempo stesso, non entusiasma. Il secondo tempo cala al calare della propositività dei suoi compagni.

Deiola 6,5,: mezzo voto in più rispetto ai compagni di reparto perché è arrivato da tre giorni. Intraprendebte in fase offensiva dimostra di avere gamba per gli inserimenti. Qualità che mancava al centrocampo giallorosso.
Rispoli sv

Mancosu 5,5: sembra ancora lontano dalla migliore condizione. Il passo è sempre troppo compassato però sfiora la rete nel secondo tempo con una conclusione che chiama agli straordinari Sepe. Sotto di un gol Liverani lo sacrifica per dare spazio ad una punta vera come Lapadula.
Lapadula sv

Falco 6,5: ci prova. Non ci mette cattiveria ma ci prova. I suoi compagni sono sempre lontani per cercare lo scambio corto e lui, senza troppa convinzione, ci prova in più occasioni con la conclusione dalla distanza. Non certo il miglior Falco, ma almeno è sembrato propositivo.

Babacar 5,5: non riesce mai a concludere in porta. Vero è che non gli capita mai una palla da provare a spedire alle spalle di Sepe. La generosità non manca, la forma sta migliorando, ma il Lecce ha bisogno di un altro Babacar.
Vera sv