La poesia “Aria te Pasca” di Carlo Vincenzo Greco ci immerge in un’atmosfera leggera e fresca. Delicato il sottinteso passaggio dai toni grigi dell’inverno ai colori caldi della primavera, che danno sollievo, emanano energia per ri-cominciare: profumi nuovi, colori rinnovati e sorrisi. Un quadro dipinto da parole che fanno ‘scazzecare llu core’, lo riscaldano sussurrando amore. Dal buio della notte alla luce del giorno, dalla morte alla vita, tutto parte e tutto torna a ‘ddhu Pittore ca ogne cosa ama’.  Buona Pasqua a tutti con i tratti frizzanti e ridenti di Carlo Vincenzo Greco.

di Manuela Marzo

 

 

ARIA TE PASCA

Sentu c’a Pasca l’aria cangia ndore

e sape te pulitu e de freschezza,

te rosa frisca, zànzecu, te more…

sapori te aria cita e de bellezza.

 

Sentu ca càngia puru lu culure

E se rrecchìsce tutta te surrisu,

quasi ca nnu pittore allu mpruìsu,

òse cculùra tutte le creature.

 

Culuri ca scendendu ‘ntra llu core,

te lu face te pressa scazzecare

e quandu l’à finitu te scarfare,

torna alla luce, torna, e a dha ffore

 

se ae spandendu agnàsciu e tuttu sana.

Meràculu te la vita e de cuncèrtu

Ca dhu Pittore, ca ogne cosa ama,

òse cu fazza a tuttu l’universu.