Per comporre i miei versi in castità voglio, come gli astrologhi, dormire accanto al cielo, vicino ai campanili, e ascoltare sognando i loro inni solenni dissipati dal vento”, scriveva Charles Baudelaire in ‘Paesaggio’. Il campanile, da sempre, accompagna l’ispirazione poetica. Il suono delle campane segna, rintocco dopo rintocco, la vita della comunità, ne scandisce il tempo, la ritualità dei gesti. Tocca l’animo dell’uomo, ne commuove il cuore.

È, inoltre, un linguaggio, una forma di comunicazione universale, che richiama all’unità, al senso di appartenenza di un popolo: suono di allerta, suono di festa, suono a morto, suono di gloria. Per i cristiani è la voce di Dio, la memoria storica che Dio c’è, il signum che è in mezzo a noi e ci chiama in ogni momento della nostra giornata incalzante. Nella confusione cacofonica del mondo contemporaneo, le campane suonano, ma l’uomo, spesso, non riesce ad ascoltare l’armonia di questa musica che suggerisce significati e senso alla vita di una città. Non solo i rintocchi, ma anche il loro silenzio parla, chiedendo una pausa dalla frenesia quotidiana e ispirando momenti di raccoglimento e riflessione.

Meraviglioso è il suono delle campane nel giorno di Pasqua, nel momento in cui squarcia il silenzio, annunciando la gioia del credente che incontra Gesù Risorto. La poesia di Carlo Vincenzo GrecoLu campanaru sona” esprime nei timbri, accenti e colori del dialetto leccese, la melodia e l’incantesimo di queste vibrazioni che, tra una capriola e l’altra sulle soffici nuvole del nostro cielo, giungono al cuore dell’uomo, sussurrando un messaggio di pace e “nu sia cchiui!”.

 

Manuela Marzo

 

 

Lu campanaru sona

Nc’è nu senu, ‘gne giurnu pe la vita,
ca a tutti quanti rria lentu e duce.
È senu ca nni chiama e nni nvita
cu capimu ddu’ stae la vera luce.

Lu sienti all’arba, a menzatia, a sira
parlàndute de gioia o de dulore;
lu core, tandu, sempre te suspira
mò llecru, mò cu l’anima de fore.

Ete lu senu de lu campanaru
ca te l’àutu se spande mmera a nui
ca ogne cristianu tocca ttegna caru
pe: «Fare pace e… nu sia cchiui!»