LECCE – “L’affollato palcoscenico di capi di partito che si metterà in scena nei prossimi giorni non ha nulla a che vedere con Lecce e il suo futuro. In realtà è solo il tentativo goffo di fare un po’ di clamore da parte di chi ha bisogno di farsi rappresentare da altri perché non è in grado di rappresentarsi da sé, o di presentare all’elettorato leccese la giusta prospettiva per il miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini.”

“Ed eccoli qui, invitati a fare un salto (e poi a scomparire nuovamente), i vari turisti per caso Salvini, Zingaretti, Meloni, noti conoscitori della nostra città ed esperti in materia, ai quali viene presentato un elenco puntato di argomenti locali, nella speranza che siano almeno originali e non scopiazzati da altri programmi elettorali ‘presi’ da internet.
Poca roba insomma, i cittadini leccesi non hanno bisogno di scampagnate e codazzi ma di politica seria e buona amministrazione, hanno bisogno di sapere che c’è qualcuno accanto a loro ogni giorno, e non certo di chi arriva in aereo, passa un’oretta a farsi fotografare e poi torna in aeroporto.

Io certamente le cose poi le faccio, tutti questi passanti, invece, non credo che faranno nulla per la nostra città.”