Raggi cocenti, che infiammano la nostra pelle e la nostra terra. Sole del Sud, sole del Salento, che bacia il nostro mare, i nostri luoghi, la vita della terra russa.  ‘Fuoco’ che nutre, che dà vita. È come se la poesia di Carlo ci riportasse indietro nel tempo, un tempo ormai lontano, ma comunque ancora vivo e presente, quello di  una società contadina pura e genuina che sente e vive  la  fecondità del sole, la sua forza e potenza. Lu ranu , chÍanu chÍanu, matura e si tinge di biondo, diventando oru Íntru alla mattrabbanca. Oro che diventa pane, che si trasforma in vita. Il calore che genera amore  ‘an tàula’. di Manuela Marzo.

Manuela Marzo

“Cauta estate” di Carlo Vincenzo Greco

Cu tutti dhÍ toÍ raggÍ, ssÍ’ cucentÍ,

mentre c’alla marÍna ogne crÍstÍanu

se rÍposa, lu ranu, chÍanu chÍanu,

tÍe facÍ maturare…è bbete oru.

Oru ca Íntru alla mattrabbanca

rrecchÍsce ogne crÍstÍanu, ogne casa,

o ognetunu etendulu lu asa,

preandu cu nu manca maÍ an tàula.