Il 22 febbraio 2020 Antonio Verri avrebbe compiuto 71 anni e per il quarto anno consecutivo l’Amministrazione Comunale di Caprarica, paese natale del poeta, gli renderà omaggio.

Poeta, scrittore, operatore culturale e maieuta di anime creative. Tutto questo e molto altro era Antonio Leonardo Verri che il 22 febbraio 2019 avrebbe compiuto settant’anni. A ricordare questa figura di così grande spessore sarà, ancora una volta, la ‘sua’ Caprarica di Lecce. Per il quarto anno consecutivo, infatti, l’amministrazione comunale – insieme con il Fondo Verri e l’Ass.ne On Board – ha voluto rendergli omaggio, tenere viva la sua memoria con una festa di particolare rilievo dato che coincide con l’inaugurazione avvenuta lo scorso anno della “Biblioteca di cortile e di campagna” legata con un filo rosso alla figura dello scrittore. Un filo che lega il passato, il presente e il futuro, la memoria alla cultura attraverso l’arte del Cunto (del raccontare): da persona a persona, da lettore a lettore.

Il programma di sabato 22 febbraio a partire dalle ore 18:

  • Premio On Board – Antonio Verri per le cinque sezioni: Poesia, Narrativa, Pittura / Poesia visiva, Storyboard / Soggetto cinematografico, Fotografia / Video premioverrionboard.com
  • Presentazione del programma delle attività della Biblioteca di Cortile e di Campagna per il 2020, in particolare sarà annunciata la presenza per fine Marzo della grande scrittrice Dacia Maraini.
  • Sarà illustrato alla cittadinanza il progetto del Pensionante de Saraceni – per il recupero dell’ex cinema. Progetto condotto dall’Architetto Francesco Baratti con il Fondo Verri.

 

Alle 20.30 – degustazione enograstronomica e Kerkim in concerto: Il progetto Kërkim nasce a Lecce nel Novembre del 2012 sulla scia di un percorso di ricerca musicale che vuole legare tutte le terre del bacino del Mediterraneo attraverso lo studio delle sonorità: musica mediorientale, flamenco, Balkan, folk salentino e campano, Grecia e Albania. Da quest’ultima terra prende il nome, nel suo significato di ricerca e osservazione, un continuo movimento reso possibile dal dialogo, essenza della worldmusic.

Il quintetto intreccia le esperienze e le provenienze musicali di ogni singolo componente, tracciando una strada comune nel viaggio che dalle coste salentine attraversa la Croazia, fa tappa in Macedonia e dalle fisarmoniche Rom arriva ai clarinetti turchi, saluta la Grecia e infine torna in Italia, portando nelle composizioni quelle frequenze, quei ritmi e quei colori, riletti e riarrangiati. ᐧ

Esattamente come Antonio Verri che – da Caprarica – intratteneva rapporti epistolari con larga parte del mondo, come emerso nella pubblicazione dell’Epistolario – pubblicato l’anno scorso in occasione dei suoi 70 anni.

 

Un’occasione per tutti per scoprire la valenza culturale del Poeta Verri, per gli amici – di ricordarlo e festeggiarlo, e per la comunità di Caprarica di crescere e riappropriarsi di una storia ed un patrimonio importante per l’intero Salento e non solo!