Una ‘puesia’ ricca di sentimento e di attaccamento per la propria città, che diviene compagna di viaggio per chi costretto ad abitare terre lontane. Lecce ha un fascino particolare, unico, che nessun ‘Paraisu’ può sostituire. La pietra leccese, segnata dal tempo, il suo colore che illumina i vicoli sonnolenti, il profumo del pasticciotto che risveglia anche i più pigri, fanno della città barocca la città del cuore. Tanto che starne lontano ‘pare nu casticu’.

di Manuela Marzo 

CARA LECCE MIA (pe tie, sti mumenti de puesia)

                                    di Carlo Vincenzo Greco

Ci pe necessità tocca sse nd’iàe,
lu core nu lu tene allu surrisu;
puru ca te bba troa lu ‘Paraisu’,
nu po’essere felice addunca stae.

Sta petra te leccisu rrecamata,
lu sule e l’aria frisca te marina,
lu pasticciottu cu la cutugnata,
ca danu lu ‘Bongiornu’ ogne matina,

tie, sulamente a quai, allu Salentu
ste cose pueti truare, ogne mumentu;
e mentre stai luntanu de sta terra

ca lu passatu, mai, lu core scerra,
tandu, a dhu mumentu, caru amicu,
stae luntanu…pare nu casticu.