Una poesia dedicata a fra Paolo Quaranta, già vicario provinciale, direttore della Biblioteca Caracciolo di Lecce, eletto  il 15 maggio Ministro Provinciale della Provincia dell’Assunzione della B.V. Maria dei Frati Minori di Lecce. Versi che richiamano il pensiero di don Tonino Bello, i colori e i sentimenti della e per la nostra terra, la nostra gente. Scritta in una circostanza diversa, risulta attuale nel suo richiamo all’ala di riserva. Sì! Perché un ministro non è un amministratore, ma è una guida, un punto di riferimento, un padre per tutti, allo stesso modo, superando limiti e barriere.

È l’ala di riserva per chi rimane imbrigliato nella rete, per chi non ha più voglia di spiccare il volo. È l’ala dell’amore e dell’accoglienza. È il senso della fraternità, non una parola, ma una scelta di vita concreta. “Ca basta propiu picca, propiu nienti, pe ssèntere la vera fratellanza”.  Una fratellanza e una fraternità  “ca ulandu autu”,  “ni face ricchi, ricchi e assai cuntienti e chini te speranza”.

Buon cammino fra Paolo, che tu possa essere “nu párpetu te ala” autentico per tutti i tuoi fratelli, ma anche per ogni uomo che incontrerai, per chi inciampa, per chi crede e per chi dubita, per chi, disorientato, ha deciso di fermarsi, per prendere fiato.  Camminando, sempre e comunque,  sui passi di Francesco d’Assisi! di Manuela Marzo

 

NU PÁRPETU  TE ALA

(a Frate Paolo Quaranta o.f.m.)

Me basta, puru se pe nu mumentu,

nu pàrpetu te ala allu mpruìsu,

cu sentu ntra dde mie dhu sentimentu

ca è l’antipòrta te lu Paraìsu.

 

Te n’ala te riserva me ccuntentu

pe spandere allu mundu, cu llu jentu,

l’amore pe lla vita e nu surrisu,

mentre lu core ddenta cchiù muddhisu;

 

ca basta propiu picca, propiu nienti,

pe ssèntere la vera fratellanza

e, ulandu autu, sempre cchiù felici

 

cu ni sentimu chini te speranza,

mentre la cumpagnia de tanti amici,

ni face ricchi, ricchi e assai cuntienti.