Foto di repertorio

SANT’ISIDORO (Lecce) – Scaricavano le acque reflue provenienti dal depuratore di un villaggio turistico sulle aree verdi come irrigazione, in violazione all’autorizzazione rilasciata dal Comune che imponeva di smaltirli in subirrigazione, ed entrambi sono stati così denunciati con l’accusa di getto pericoloso di cose, e nello specifico dello scarico di acque reflue depurate in modalità non autorizzata.

Nei guai sono finiti due uomini di 52 e 54 anni – M.D. e N.R. ee loro iniziali – deferiti in stato di libertà dal personale del Nipaaf, il nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale dell’Arma dei carabinieri.

Il controllo dei militari è scattato in località Sant’Isidoro, una delle marine di Nardò. Al termine degli accertamenti, il depuratore del villaggio è stato posto sotto sequestro.