Due ritratti brevi ed essenziali nelle linee, misurati nelle parole, capaci di cogliere l’essenza dell’amore, quello vero, che dura nel tempo. In questi schizzi, l’ironia di Carlo Vincenzo Greco diventa leggera, delicata, armonizzata dalle sottili sfumature di sentimenti genuini e sinceri. Versi che riflettono la luce degli occhi della fimmena cchiú beddha, capace di esprimere le megghiu meraviglie te l’amore. E quasi come guardando un film romantico, ecco apparire il co-protagonista l’omu cchiú furtunatu, che non si perde nella vanità di un capriccio, ma si ‘dissolve’ nelle  attenzioni de la nnamurata. Un amore fatto di piccole cose e di piccoli gesti, di un’intesa che non ha mai fine. In dieci versi il poeta coglie l’essenziale di un amore che ha la forza di unire e non di separare.

 

 

La fímmena cchiú beddha

La fímmena cchiù beddha è sempre quiddha

ca intru all’ècchi ccògghie e manda fore

le megghiu meraviglie te l’amore,

e su lli musi, poi, sempre sinceri,

li cchiù ardenti e cauti de pensieri.

 

L’omu cchiú furtunatu

L’omu cchiù furtunatu è suli quiddhu

ca sape sempre sempre ncarezzare

Le attenzioni de la nnamurata

E de iddha, poi, ogne mumentu,

te llu centu pe ccentu ete cuntentu.